martedì 13 agosto 2019

Giorno 5: Roma (Tre Fontane)

Sbrigate di prima mattina una paio di faccende pratiche (tipo... il bucato ;) ), a pochi minuti dall'albergo c'è la meta principale del viaggio: il monastero delle Tre Fontane. 
Rispetto alle abbazie belghe, la parte visitabile è piuttosto ampia e interessante, ma non perché i monaci siano più "aperti" (sempre trappisti sono, quindi "ora et labora" e clausura), quanto perché il complesso è antichissimo, e comprende qundi diversi edifici storici che non sono parte del monastero.

Posso quindi visitare la chiesa del martirio di San Paolo, la cappelletta della Scala Coeli, una parte del parco, e (in un secondo momento) la chiesa del monastero, austera e scarna come da tradizione... e soprattutto la bottega trappista, strapiena di cioccolata, marmellate, miele, e soprattutto, finalmente, birre.

Birre, al plurale, perché:
1 - la produzione dell'abbazia è aumentata e ora vede due birre "normali" (la Tre Fontane "Triple" e la nuova "Scala Coeli") oltre a una serie limitata (una IPA prodotta in collaborazione con Spencer!)
2 - la bottega vende anche una serie di birre da altri monasteri, tra cui spuntano alcune etichette mai viste.
E qui la sorpresa. Non uno, ma ben due monasteri nuovi hanno cominciato a produrre birra: uno in Spagna, e uno... in Inghilterra! Niente, è destino che ci debba tornare di nuovo. :)

Mi gusto una amarissima IPA (non il mio genere) attorniato da un nugolo di turisti orientali che comprano quintali di tutto, e torno più tardi per la Triple (moooolto meglio!) 
Quest'ultima, a mio parere, una delle migliori del genere.

A questo punto mi resta il pomeriggio per fare classicamente il turista per il centro di Roma. Visto che sono in giornata di chiese, ne visito un paio di spettacolari (soprattutto Santa Prassede e Santa Maria in Ara Coeli), ma è impossibile poi trattenersi dai classici (Colosseo, Pantheon, fontana di Trevi)... e giù foto su foto, ma che scarpinata! Domani sarà meglio far camminare la Versys. :)

Km: 30 circa (in moto)


Ora et labora (e tasi!)

Finalmente... ma checcavolo, il bicchiere di plastica...

Un sobrio lampione romano

Il meraviglioso pavimento di Santa Prassede

L'incredibile sfarzo di Santa Maria in Ara coeli

L'austera chiesa dei trappisti (che contrasto, eh?)






Nessun commento:

Posta un commento